Crea sito

13° Puntata: Testare le reti degli operatori con WiRouter KeyRec

image_pdfimage_print

Come già ribadito più volte nel corso di questi post, molte reti WiFi dei router in comodato d’uso degli ISP Italiani e non solo, sono soggette a una grave falla di sicurezza, poiché il recupero della password è quasi immediato, attraverso il nome della stessa rete o al massimo attraverso il mac address. L’unico rimedio, è quello di cambiare il nome della rete WiFi, oppure di cambiare la password di default ( cosa da fare sempre ).  Dopo l’avvenuta conoscenza di questa falla, sono state sviluppate tantissimi applicazioni per verificare se il proprio router rientra tra quelli soggetti a questo problema. Le più famoso sono WPA Tester ( per Android ), iWPA ( per iOs ). In questo post si parlerà di una nuova applicazioni sviluppata in C e quindi universale, che permette di calcolare le password delle rete WiFi in maniera rapida e semplice. Il programma si chiama WiRouter KeyRec ed è stato sviluppato da Salvatore Fresta.

Come utilizzare WiRouter KeyRec per trovare le password delle reti WiFi dei router degli ISP

Come primo passo, occorre effettuare il download dell’applicazione dal sito ufficiale, direttamente da questo link . Il file è in formato zip e pertanto è necessario scompattarlo, attraverso il seguente comando:

unzip WiRouter_KeyRec_1.1.1

Per poter compilare l’applicazione ed eseguirla, occorre postarci all’interno della directory appena scompattata. Per farlo digitiamo:

cd WiRouter_KeyRec_1.1.1

Ora basta semplice compilare un programma in C, composto da più main e con file oggetto, digitando in sequenza:

./configure

sudo make

sudo make install

Ora che abbiamo completato la fase di installazione, possiamo finalmente usarlo. Per farlo basta digitare wirouterkeyrec e troviamo un help, con la relativa sintassi per l’uso corretto.

 

Nella schermata sono riportati degli esempi di sintassi.

Come si può vedere non è troppo difficile l’uso, ma la sue potenzialità sono ampie. L’applicazione è da usare solo per testare la sicurezza della propria rete WiFi.

Questo articolo è stato scritto SOLO PER FINALITà CONOSCITIVE E PER TESTARE LA PROPRIA RETE. Ricorda così dice l’articolo 615. 
Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontàespressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni.

Author: Blogger

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*