Crea sito

11°Puntata: Craccare una rete wifi protetta da WPA o WPS con Wifite

image_pdfimage_print

Nelle scorse puntata di queste varie guide su Backtrack, ho già parlato di tool che permette di craccare una rete wifi con pochi e semplici programmi. Addirittura per alcuni reti, per esempio quelle dei router in comodato d’uso ( vedi Alice e Fastweb in primis ) basta inserire il nome delle rete e le password viene generata in automatico. Per le altri tipologie di rete, la procedura risulta leggermente più complesse; con il tool Wifite, però questo procedura viene fatta in automatico ! Ecco come installare e come funziona Wifite.

Installazione

Per effettuare l’installazione apriamo il terminale di Backtrack e digitiamo questo comando:

wget -O wifite.py http://wifite.googlecode.com/svn/trunk/wifite.py

 

 

 

Dal momento che richiede alcuni permessi per utilizzare, per esempio, la periferica wifi in “mode monitor”, diamo il seguente comando:

chmod +x wifite.py

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Funzionamento dell’applicazione

Ora che l’applicazione è stata installata correttamente, avviamola così:

python wifite.py

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora che l’applicazione è stata avviata, come prima cosa sarà effettuata una scansione delle reti wifi presenti nel nostro raggio d’azione. L’operazione richiede poche decine di seconde. Per interromperla, basta premere i tasti “ctrl+c”; con questo comando l’applicazione analizzerà i dati, in base alla tipologia di protezione. Inoltre, nella stessa schermata sarà possibile analizzare la presenza del protocollo WPS, che, come abbiamo visto nelle scorse puntate, è risultato un punto debole per la protezione delle stessi reti. Ora siamo pronti per far partire la procedura automatica del “craccaggio” delle rete. Possiamo scegliere i craccare singole reti, selezionandole con i relativi numeri, oppure digitare il comando “all”, per indicarle tutte. Ora che è partita la procedura, basterà attendere che il programmi completi le varie operazioni. Un vero gioco da ragazzi ! L’unica nota da fare riguarda le reti WPA senza WPS. In questo caso, l’applicazione catturerà in automatico  “handshake” ed effettuerà un attacco di tipo dizionario. In caso la password non fosse presente in tale dizionario, la rete potrà “ritenersi sicura”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco un video dimostrativo dell’applicazione Wifite, che permette di craccare le reti wifi con protezione WEP, WPA e WPS in modo questi automatico.

Disclaimer

Questo articolo è stato scritto SOLO PER FINALITà CONOSCITIVE E PER TESTARE LA PROPRIA RETE. Ricorda così dice l’articolo 615. 
Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontàespressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni.

Author: Blogger

Share This Post On